Re Artù è davvero una figura storica o solo un’icona leggendaria? I Cavalieri della Tavola Rotonda sono davvero esistiti? Ecco la loro storia e dove riviverla

Molto, molto tempo fa, in un castello molto, molto lontano, un bambino nacque da re Pendragon. Visti i tempi burrascosi, su consiglio del saggio mago Merlino, il ragazzo fu allevato in segreto. Nessuno avrebbe scoperto la sua vera identità di erede al trono.

Anni dopo, re Pendragon morì. Sorse una feroce disputa su chi sarebbe diventato il prossimo re d’Inghilterra. Per risolvere la questione, Merlino conficcò magicamente una spada in una roccia, annunciando che solo il vero erede al trono sarebbe stato in grado di estrarla.

Tutti accorsero, sperando di riuscire nell’intento e salire al trono, ma nessuno riuscì a rimuovere la spada nella pietra. Poi, un giorno, un ragazzino si imbatté per caso nella spada. Con stupore di tutti, la estrasse dalla pietra, dimostrando di essere il legittimo erede e il nuovo re d’Inghilterra.

Chi era questo ragazzo? Re Artù, ovviamente!

La leggenda di Re Artù

Questa storia potrebbe suonare familiare a tutti quelli che si sono fatti affascinare dal famoso cartone animato della Disney o da qualche altro film o libro creato sulle leggende di Re Artù e dei prodi Cavalieri della Tavola Rotonda.

Le storie che raccontano del Mago Merlino e la spada nella roccia non sono le uniche parti famose delle leggende di Re Artù. Infatti, ci sono anche storie che raccontano della sua casa di Camelot e di sua moglie, la regina Ginevra.

E poi anche la sua spada, Excalibur, e il suo fidato amico Lancillotto giocano un ruolo importante, mentre i Cavalieri della Tavola Rotonda e la loro missione, la ricerca del Santo Graal, hanno creato storie emozionanti per grandi e piccoli.

la leggenda di Re Artù la spada Excalibur

Re Artù è noto per aver combattuto molte grandi battaglie e per aver salvato l’Inghilterra dai Sassoni. Ma qualcuna di queste storie è vera? O sono semplicemente miti e leggende?

La risposta a questa domanda è ancora un mistero. Si tratta di storie piuttosto popolari e molti storici hanno studiato Re Artù, alla ricerca di prove reali. Tuttavia, a oggi non c’è consenso sul fatto che fosse una persona reale o meno.

Le prove dell’esistenza di Re Artù

L’unico resoconto scritto all’epoca dell’invasione sassone non menziona Artù. In effetti, non compare in nessun testo fino a centinaia di anni dopo. La prima persona a scrivere di lui fu Nennio, un monaco gallese del IX secolo al quale è stata attribuita la paternità della Historia Brittonum.

la leggenda di Re Artù la storia

Nennio scrisse di una dozzina di battaglie in cui Arthur avrebbe combattuto, ma gli esperti pensano che un uomo non avrebbe mai potuto combattere in tutte queste battaglie. I tempi e i luoghi in cui si sono svolte lo rendono impossibile.

In seguito, anche altre persone scrissero di Artù, ed è così che le storie che conosciamo oggi hanno cominciato a diffondersi. In particolare, l’opera di Geoffrey di Monmouth del XII secolo, Storia dei re d’Inghilterra, raccontava molte delle vicende più famose su Re Artù.

Nessuno sa con certezza se sia mai esistito un vero Re Artù. Ma alcuni esperti dicono che è possibile. Ad esempio, alcuni ricercatori ritengono che un capo militare di Roma possa aver contribuito a difendere la Gran Bretagna dai Sassoni nel V o VI secolo.

Altri credono che Re Artù possa essere una figura mitica basata su più leader reali che vissero in quel momento.

I luoghi in cui rivivere la storia di Re Artù

Le storie del re e dei suoi Cavalieri sono state raccontate nel corso dei secoli, ispirando personaggi come Sir Thomas Malory, Lord Tennyson, Rick Wakeman, il team dei Monty Python, Bernard Cornwell e, più recentemente, Guy Ritchie.

Storia o leggenda che sia, ci sono diversi posti in Inghilterra in cui è possibile trovare qualcosa che ricordi Artù e le sue gesta. Ecco alcuni dei migliori da visitare per i fan di King Arthur.

La Tavola Rotonda

Fu un regalo di nozze del padre di Ginevra, re Leodagan di Carmelide. La Tavola Rotonda è un’icona della leggenda di Artù, tanto amata quanto Camelot e il Santo Graal.

Abbastanza grande da ospitare 150 cavalieri, fu il luogo in cui Artù complottò e celebrò con gli uomini che lo servivano.

la leggenda di Re Artù la tavola rotonda

 

Oggi, una versione notevolmente più piccola della Tavola Rotonda è appesa a un muro nella Great Hall di Winchester. Ha posto solo per Arthur e 24 dei suoi Cavalieri, e assegna premurosamente un nome a ogni slot per scoraggiare litigi sconvenienti su chi fosse seduto dove.

Commissionato da Edoardo I nel 1290 e decorato con la rosa Tudor da Enrico VIII, il tavolo è ancora solido, ha un diametro di 6 metri e pesa più di una tonnellata. È uno dei luoghi turistici più famosi di Winchester.

Stonehenge

Stonehenge è il cerchio di pietre più iconico in Inghilterra. Nessuno sa come o perché gli umani abbiano costruito Stonehenge, ma una delle tante storie coinvolge un personaggio legato a Re Artù.

visitare Stonehenge durante vacanza studio

Il cronista del XII secolo Geoffrey di Monmouth, rese popolari le leggende arturiane nella sua Storia dei re d’Inghilterra. E affermò che si trattava di pietre curative che erano state messe lì dal mago Merlino, che, insieme a Uther Pendragon, fu mandato a prendere le pietre dall’Irlanda da Ambrosius Aurelianus.

Questi voleva erigere un memoriale sul luogo di una grande battaglia che aveva combattuto. Riducendo in schiavitù i giganti, Merlino trasferì le pietre nella pianura di Salisbury e creò Stonehenge.

Il luogo di nascita di Artù

La Cornovaglia è la casa di Arthur. Qui pare che si trovi il luogo in cui ha ricevuto la sua spada Excalibur dalla Signora del Lago.

visitare Cornovaglia il luogo di nascita di Artù

Ma soprattutto, si dice che la vita di Arthur sia iniziata a Tintagel, sulla costa settentrionale della Cornovaglia. Secondo la leggenda, fu concepito al castello di Tintagel dopo che Uther usò la stregoneria di Merlino per farlo sembrare il marito di Igraine, la madre di Arthur.

Oggi, le rovine del castello di Tintagel sorgono su un’isola rocciosa collegata alla terraferma da una stretta strada rialzata. La Grotta di Merlino, invece, si trova nelle rocce sottostanti, accessibile solo con la bassa marea.

La battaglia finale

Ogni resoconto del re dei Britanni dovrebbe menzionare Glastonbury. Questa città del Somerset è stata un luogo di pellegrinaggio per secoli.

Quando Arthur fu ferito nella sua battaglia finale contro il traditore Sir Mordred, fu portato sull’isola di Avalon, che si crede sia Glastonbury Tor.

Dalla cima del Tor, puoi vedere il castello di Cadbury, la fortezza collinare dell’età del ferro che si ritiene sia il luogo della corte di Artù, Camelot.

visitare il castello di Cadbury

In fondo alla collina del Tor c’è il Pozzo del Calice. Questo sito è fortemente legato al Santo Graal, che è stato al centro di varie avventure intraprese dai cavalieri di Artù.

I resti di Re Artù

Nel 1191, i monaci dell’abbazia di Glastonbury, scavando in un vecchio cimitero durante la ricostruzione del loro monastero, portarono alla luce una croce di piombo. L’iscrizione latina su di esso diceva Hie Jacet Sepultus Inclytus Rex Arthurus In Insula Avalonia, che è tradotta come “Qui giace sepolto nell’isola di Avalon il famoso Re Artù”.

I monaci scavarono più a fondo e trovarono due scheletri umani, un maschio e una femmina, che presumevano fossero quelli di Artù e Ginevra.

i resti di Re Artù

Nel 1278, questi resti furono seppelliti di nuovo alla presenza del re Edoardo I vicino all’altare maggiore della chiesa dell’abbazia.

La tomba sopravvisse fino allo scioglimento dell’abbazia nel 1539, ma il sito è ancora visibile tra le maestose rovine di questo che un tempo  fu un grande stabilimento monastico.

Cosa ne pensi? Re Artù era una persona reale? Camelot è davvero esistito? Che la risposta sia sì o no, le leggende di Re Artù saranno sicuramente ancora apprezzate dalle generazioni a venire.